domenica 18 novembre 2012

Non sarà un'avventura


Ultimamente non sono riuscita ad aggiornare il blog e mi scuso coi pochi e fedeli lettori che mi seguono.
I pensieri se ne stanno come pagine appallottolate nella mia testa: a volte non voglio stendere il foglio e vedere cosa c’è scritto, o forse non ne ho proprio la necessità perché so perfettamente quello che ci leggerei.

E’ stato un periodo emotivamente intenso e stressante.
Tra meno di un mese il mio contratto di lavoro scadrà e nessuno mi ha ancora detto se verrò assunta a tempo indeterminato, se avrò un altro contratto per un anno o se me ne starò a casa.
Il fatto che non ci sia anima viva che vuole/può darmi informazioni in merito, mi fa pensare che non ci siano buone prospettive per me.

Lo stress lavorativo e la paura per il futuro mi hanno allontanata da Nero e dalla mia famiglia. Il loro incrollabile ottimismo è come uno schiaffo in faccia. Che cazzo c’è da essere ottimisti?
Io me ne sto qui ad aspettare il giorno del giudizio e loro sembrano avere la risposta a tutto!

La realtà è che mi sento colpevole.
Sono un’adultera: ho tradito l’Elisa diciottenne, i suoi sogni e i suoi progetti. Ho tradito il suo essere tremendamente paracula nei confronti della vita e delle persone, il suo farsi una risata davanti ai piccoli e grandi problemi della vita.
E tradire sé stessi per paura di fallire o per compiacere gli altri è il peggior tipo di tradimento che una persona possa commettere.

E’ lì che ti monta la rabbia, perché ad un certo punto hai smesso di avere il coraggio di affermare che la vita è solamente tua. Che gli amici, gli amori, la famiglia hanno un pezzo del tuo cuore ma non possono decidere per te.
Che non devi permettere agli sguardi e ai giudizi della gente di definire chi sei.
Ti chiedi: da quando ho smesso di lottare per realizzare la vita che ho sempre desiderato? E da quando sono diventata un soprammobile?

Ho iniziato a pensare a come realizzare concretamente il mio Piano A ed è stato bello scoprire che due amiche vogliono buttarsi nella mia stessa avventura, ognuna col suo personale bagaglio di sogni e di aspettative.

Non so dire se in questo momento la prospettiva di rimanere senza lavoro si stia trasformando in una grande opportunità, certo è che non voglio permettermi di buttare via ogni chance che la vita può offrirmi.

Auguratemi in bocca al lupo perché questa è un’avventura tutta nuova!

11 commenti:

  1. ...sai com'è, l'incertezza della vita, l'assenza di schemi che sono assoluti, porta la vita stessa ade essere paradosso di se stessa...
    perché non capitano solo cose belle?
    perché non siamo tutti irragionevolmente positivi?

    perché no

    non hai tradito la te di anni addietro, la stai accompagnando nella crescita... è dura, ma ne vale SEMPRE la pena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, in tanti mi ripetono quello che hai detto tu, che nessuno abbandona mai sè stesso ma semmai cresce, cambia, si evolve.
      In realtà io non mi sento così: mi sento immobile e bloccata.

      Si può conservare lo spirito da dicionnette in un cervello da trentenne?

      Elimina
  2. Credo che nessuno ti insegni a vivere, ognuno lo impara da solo, a proprie spese, sulla sua pelle, e poi tutto cambia, anche le idee, non ti spaventare se ti sembra di tradire l'idea che avevi di te, quando eri più giovane, nella vita si scende sempre a compromessi, tutto sta nell'avere un piano B, crearsi una rete di sicurezza, e avere almeno du persone amiche, che ti ascolteranno quando sarai triste, gioiranno con te quando sarai felice, e soprattutto saranno presenti nelle difficoltà come nei successi. Tutto il resto verrà da sè, te lo prometto ;)
    Un abbraccio stretto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che tutto questo caos mentale mi aiuti ad imparare qualche bella lezioncina... ;)
      Grazie per il tuo supporto :)

      Elimina
  3. Guarda, a me hanno dato la notizia solo qualche giorno prima.. In ansia fino all'ultimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stata felicissima di leggere la bella notizia! Congratulazioni! :)
      Ps. allora dici che c'è speranza anche per me in un miracolo dell'ultimo minuto? :D

      Elimina
  4. Certo che ti faccio in bocca al lupo! Sembra scontato e sciocco e forse falso, ma qui bisogna crederci. Io ho appena iniziato un percorso per seguire ancora i miei sogni e sperare che si realizzino...non so se succederà, ma bisogna provarci e se così non fosse, almeno nona vere rimpianti.
    Sono tempi tristi, in cui è facile tradire la giovane te di belle speranze, ma capita e non si può biasimare nessuno...ma almeno un tentavi a quelle diciottenni spensierate glielo dobbiamo...ancora in bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto. Allora in bocca al lupo anche a te! :)

      Elimina
  5. un mega in bocca al lupo per tutto quello che desideri. Non è facile affrontare le cose che ci accadono giornalmente e pensare che tanti anni fa le avremmo affrontate in modo diverso è relativamente vero. Si cerca di affrontarle nel modo migliore e con almeno un mezzo sorriso in volto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi il lupo!
      Mantenere il sorriso non è sempre facile, ma ci proverò! :)

      Elimina

Il tuo commento è importante e fa crescere il blog.
Di la tua, fammi sapere che ne pensi ;-)
Ora che ho tolto il test di verifica è anche più semplice!