domenica 4 novembre 2012

Non aprite quella porta (di casa)!


Casa è quel posto dove tutte le tue manie sono custodite gelosamente da quattro muri.
Grazie al cielo nessuno può osservarti mentre metti in pratica quei rituali che sai essere molto imbarazzanti ma che - come dice il buon Ligabue - non puoi smettere mai.

Te ne puoi andare in giro con la maschera spalmata su tutta la faccia a mo’ di Mostro della palude, senza che nessuno ti faccia notare che tra te e il mostro non c’è una grossa differenza.

Puoi indossare il pigiama anche alle 5 del pomeriggio e tute di taglia e colore improponibile, senza essere accusata di sciatteria.
Puoi farti i codini come una delle Spice Girl negli anni ’90.

Nessuno critica i tuoi gusti musicali, cinematografici, letterari e gastronomici.
Puoi tranquillamente spaparanzarti sul divano trangugiando nachos e salsa messicana guardandoti i programmi di Real Time.

Puoi infilarti alle orecchie il tuo Ipod e ripetere la lezione di inglese della BBC con fare molto british, facendo un piccolo inchino al termine di ogni frase.
Puoi provare discorsi davanti allo specchio, oppure fantasticare su conversazioni immaginarie che non avranno mai luogo nella vita reale. Questo senza che nessuno ti prenda per una psicopatica.

Puoi ballare saltando su e giù dal divano, cantare a squarciagola sotto la doccia.

Girare nuda ed esaminare tutte le tue ciccette davanti allo specchio per ore, ripromettendoti che ti metterai a dieta e inizierai ad andare in palestra. Ma questo a partire da domani, ovviamente.
Puoi fare l'interrogatorio ad ogni singolo poro della tua pelle.

Casa è quel posto dove nessuno può criticare le tue pantofole coi gattini.



Ovviamente, per poter fare le suddette cose in tutta sicurezza e tranquillità, serve mettere in pratica alcuni semplici e banali accorgimenti: 
  • assicurarsi che i vicini non siano in casa o che siano molto, molto sordi;
  • tirare le tende, abbassare le persiane, chiudere scuri e tapparelle per non dare spettacolo in tutto il quartiere;
  • spegnere skype o qualsiasi aggeggio possa trasmettere la tua immagine via etere, evitando di fare una videoconferenza sulla pelle a buccia d’arancia;
  • ricontrollare l’agenda così da non essere interrotti da nessuno mentre ci si sta esibendo per il pubblico della Wembley Arena sulle note di “I want you to want me
  • spegnere il cellulare, così da terminare la coreografia finale di Dirty Dancing in santa pace (piombando possibilmente su un muro di cuscini costruito ad hoc)



Stamattina sono uscita sul pianerottolo con le mie pantofole coi gattini…peccato che un signore poco cortese mi abbia guardato male. Mi sa che la sua però è tutta invidia!

…Cazzarola, alla fine neanche in casa propria si può stare un po’ tranquilli!

8 commenti:

  1. io le pantofole te le invio tanto!!! immagino siano caldissime *-* più che cantare sotto la doccia canto per tutta casa, ma il cellulare MAI spento xD tranne di notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caldissime e comodissime! Ci manca solo che facciano le fusa!! :-)
      Ahhh, ma allora anche tu sei un professionista del canto casalingo!! :-D

      Elimina
  2. Io non posso guardarti male.. Le ho uguali ma con i leoncini.. :D

    RispondiElimina
  3. ...da quando mi sono sposata la cosa che mi manca di più è lo schiacciaggio dei punti neri pre nanne... Sai con il marito per casa devo darmi un contegno per forza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già...anche in queste piccole cose la parità dei sessi non esiste! Loro possono girare per casa grattandosi amabilmente le chiappe e se noi ci facciamo la pulizia del viso sembra che stiamo facendo quanto di più schifoso e sporco esista al mondo! :/ :D

      Elimina
  4. Guerra agli sguardi maligni, big up per le pantofole, io sono una forte sostenitrice degli spettacoli casalinghi, dei balletti per il corridoio quando non c'è nessuno e per le scalinate di casa dove interpretare l'entrata in scena. Ricordo che tempo fa, allo specchio, mi esercitavo per il discorso di ringraziamento agli Oscar...mi viene da ridere da sola anche adesso che lo scrivo

    un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, io allo specchio provo i discorsi da incazzata...perchè non ci credo nemmeno io quando faccio la cattiva! :D

      Elimina

Il tuo commento è importante e fa crescere il blog.
Di la tua, fammi sapere che ne pensi ;-)
Ora che ho tolto il test di verifica è anche più semplice!