giovedì 22 novembre 2012

I Giardini Margherita di New York



C'è una ragione per la quale esistono i luoghi comuni: perchè – in fondo – sono veri.

Il luogo comune vuole che gli uomini non chiedano mai indicazioni stradali.
Fermarsi, alzare il ditino e domandare "Scusi? Mi sa dire dove...per caso questa è via Pinco Pallino?", deve provocare un dolore pari alla torsione di un testicolo.
Meglio spendere centinaia di euro nell'ultimo modello di navigatore (che all'evenienza si può sempre accusare di non essere aggiornato) piuttosto che chiedere (gratis) qualche informazione.

Capisco che il mostrarsi in difficoltà in una società performante come la nostra sia difficile, ma anche una timida patentata come me, davanti all'ipotesi di perdersi nei pressi di uno dei peggiori bar di Caracas, mette da parte tutta la sua riservatezza e chiede.

Oltre ad appertenere alla categoria dell'Homo Gps, il principe Nero ha una concezione tutta sua della geografia e della disposizione dei paesi nel mondo.
Allontanarsi per più di 10 km dal paesello per lui equivale ad intraprendere un viaggio verso altri continenti.

Sabato – durante un’animato discorso a metà tra politica e fantascienza – mi ha chiesto “Come si chiamano i Giardini Margherita di New York?”
Per chi non lo sapesse, i Giardini Margherita sono un grande parco nel cuore di Bologna.
“Central Park...si chiamano Central Park...” ho risposto ancora sotto shock.

Quando ho raccontato dell’accaduto a due conoscenti (maschi) esternando tutta la mia divertita indignazione, loro mi hanno rimproverata.
“Ma come? Un uomo ti chiede delle informazioni geografiche e tu lo sfotti? Non sai che per il maschio medio domandare è come ammettere una sconfitta? Dovresti sentirti onorata...”

Per rimediare al mio danno domenica sera ho deciso di riconquistarmi la sua fiducia mettendomi nei suoi panni e chiedendo io, questa volta, delucidazioni geografiche.
“Senti maaaa, qual è pure la capitale del Portogallo?”

Posso solo dirvi che ho riso per mezzora (e per questo non lo ringrazierò mai abbastanza).
...Ma non sono sicura che vogliate conoscere la risposta...



A seguito delle numerose richieste, vi informo che la capitale del Portogallo è Rio de Janeiro. Almeno secondo Nero.
Ve lo avevo detto che non l'avreste voluto sapere...

15 commenti:

  1. Non puoi fare come quei telefilm che ti lasciano con i finali in sospeso?! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, lascio in sospeso la risposta ancora per qualche giorno e poi ve lo scriverò! :D

      Elimina
  2. allora? vogliamo la risposta!!! troppo carino il tuo post ed il tuo blog,quindi perciò, sono una tua nuova follower!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, mi fa molto piacere che il blog ti piaccia! ;)
      Vi stupirò con la risposta nei prossimi giorni!

      Elimina
  3. ma si che voglio conoscere la risposta XD
    Personalmente quale rappresentante del maschio italico (XD) mi vergogno a chiedere informazioni stradali, e si, la reputo una sconfitta al mio senso dell'orientamento :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah! Vedi che ti ho beccato?? Allora sei un Macho italicus gps!!! :-P

      Elimina
  4. EcceziUnale Nero! Ahauahau.

    Io ricordo che un paio d'anni fa, guidando nel nord della Spagna, abbassando il finestrino, chiedemmo all'auto accanto dove fosse San Sebastian e la signora, ridendo, ci rispose -è questa San Sebastian!-

    Un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se non altro ci avevate visto giusto!! ;-) e scommetto che a chiedere informazioni è stata una donna!!

      Elimina
    2. ahauahu scommetti bene :)

      Elimina
  5. Bello il machus italicus gps! XD Io con il mio boy ci siamo un pò spartiti le competenze, io umanistiche, culturali, artistiche, linguistiche, ecc.. lui tutte quelle tecniche e scientifiche. E in effetti vedo la differenza, anche se lui cerca di controllarsi: quando chiedo una cosa io è tutto un sorriso mentre spiega, come a una bambina, perché su Marte non c'è acqua; quando chiede lui o lo colgo in fallo ammette con modestia la sconfitta e la mia superiorità in quel momento, ma devo dargli anche un bacio per fargli andare giù il boccone amaro! So' uomini, bisogna prenderli così! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente gli uomini sono più esperti di noi in ambiti tecnici e scientifici, ma guai a contraddirli nei loro "campi d'azione": si rischia a rivolta!!
      La prossima volta aggiusterò anche io le cose con un bacio...ammesso che lui se lo lasci dare!! ;-)

      Elimina
  6. non sapevo che Rio fosse così vicino. Bene, ci andro' l'anno prossimo! Anche la mia dolce meta', sopratutto in auto NON chiede mai, piuttosto facciamo3 giri inutili, ma non si puo' chiedere. Io gia' dopo 1/2 giro cerco qualcuno a cui chiedere, mica mi vergogno! Tanto non ho il senso dell'orientamento e ne vado fiera! Almeno guadagno tempo!!!! Buona domenica, cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto quante cose si imparano? Chi l'avrebbe mai detto che Rio fosse proprio dietro l'angolo?? Potrebbe essere una meta papabile per il ponte dell'8 dicembre... :-D
      Buonissima domenica anche a te!

      Elimina
  7. Mi metto a seguire anche io questo blog! Veramente carino.
    E l'Homo GPS..... Quanti ce ne sono!:D non potevi chiamarli in modo più adatto (e divertente)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta! Spero di non deludere la tua fiducia allora! :)

      Elimina

Il tuo commento è importante e fa crescere il blog.
Di la tua, fammi sapere che ne pensi ;-)
Ora che ho tolto il test di verifica è anche più semplice!